Il Potere Creativo del Pensiero

Impara a tenere ben chiusa la porta, che la tua mente sia protetta da quegli elementi che vogliono entrare senza offrirti alcun beneficio” G.M. Adams scrittore e sceneggiatore

In questo articolo voglio scrivere sulla creatività, ma da un punto di vista diverso rispetto al paradigma psicologico o scientifico che vige nel nostro ambito culturale.

La creatività è la manifestazione dell’attività dello spirito e quindi genera da un tipo di pensiero.

Il pensiero nasce dall’attività della mente che è strutturata secondo una mente conscia e l’altra subconscia. Il rapporto che intercorre tra queste due parti, è lo stesso che si ha tra una bandiera e l’atmosfera.

Al primo segnale di vento, la bandiera si inizia a muovere. Lo stesso accade nel rapporto tra mente conscia e subconscia. Questo sta ad indicare come i pensieri negativi e positivi, abbiano una notevole influenza sull’attività dell’essere umano.

Messo in evidenza tale rapporto, ora voglio sottolineare un altro aspetto fondamentale del funzionamento dell’essere umano, secondo un ottica altra, al di fuori del paradigma culturale in cui siamo relegati.

Oltre a gli schemi della mente conscia e subconscio, in cosa consiste il pensiero in generale? Cos’è?

Sappiamo benissimo che la luce, l’energia elettrica, il vento, la temperatura e tutti gli altri fenomeni che vivono nell’Universo, hanno una stessa sostanza, la quale è anche fonte di ogni intelligenza, potere e saggezza.

Magari potrai chiedermi: come fai a dichiarare questo?

Continua a leggere e ti svelo da dove nasce questa affermazione definita “ingrata” dagli scienziati ipnotizzati dal paradigma scientifico vigente.

Questa forma di conoscenza afferma che la mente è creativa. Si basa su un principio che si trova nella natura delle cose. L’origine di questo principio non è l’uomo, ma l’universo, fonte di ogni energia e sostanza.

In questo gioco, l’individuo è solo un tramite. Specifico individuo e non uomo, in quanto faccio riferimento anche al mondo minerale, vegetale e animale. In questo senso ogni minerale, pianta o animale è individuo, unità singola.

Tale individuo è il tramite di questa energia. Inoltre sappiamo benissimo che uno degli aspetti significativi (forse l’unico), messi in evidenza dalla scienza, è la scoperta che la materia è formata da molecole, che a loro volta sono composte da atomi e questi da elettroni.

Questi ultimi riempiono tutto lo spazio, in ogni intercapedine sono onnipresenti. Occupano persino lo spazio vuoto. Questa è la sostanza universale da cui nasce ogni cosa.

Gli elettroni che ruotano attorno ad una forza, generano un atomo, che a loro volta formano molecole, dando vita a grandi composti che esistono (es. molecola acqua, idrogeno, mercurio.

Gli elettroni si manifestano nel nostro corpo sotto forma di cellule e possiedono una intelligenza in grado di fare qualsiasi cosa. Ogni parte del corpo è composto da cellule, di cui alcune lavorano in modo indipendente ed altre invece sono legate fra loro e un fine comune guida tutte le cellule. Tale fine è designato dalla mente universale.

Come ben sappiamo, la nostra salute dipende dalle cellule e che la mente quindi si trova in ogni atomo umano, la quale è neutra. Questa quindi può diventare positiva o negativa grazie al proprio pensiero.

Questa mente neutra è stata chiamata subconscio, la quale è diretta dalla mente conscia. Tutto ciò che è visibile è generato dal pensiero. Infatti si è scoperto che l’individuo (in senso umano), è il risultato dei suoi pensieri. Basta guardare una persona e rendersi conto di quale siano i suoi pensieri che si plasmano nel corpo, sul carattere e anche nel proprio ambiente.

Nel guardare la propria vita, ci si rende conto, attraverso i risultati attuali, quali sono stati i pensieri del passato. Ogni effetto nasce da una causa che non è nata nell’ambiente, ma è il risultato di un attività interna alla persona.

Questo punto di vista risulta scomodo per molti, in quanto se da un lato , risulta scomodo per scienziati, multinazionali e affaristi, in quanto mette in evidenza una delle potenzialità dell’essere umano, cioè il potere creativo del pensiero.

Dall’altra parte, risulta scomodo per tutti coloro che continuamente si creano scuse per deresponsabilizzarsi, anche se in questo caso è lo stesso potere del pensiero creativo in funzione.

Bisogna rendersi conto che il pensiero è la sola realtà e se cambia il pensiero, inizia a cambiare anche la manifestazione della realtà.

Riuscire a cambiare la propria realtà, significa acquisire una modalità di coltivare il proprio pensiero in modo stabile, preciso e coerente. Per cui non vale se una persona fa una determinata scelta e poi torna sui propri passi. In questo caso non cambia nulla.

Quando riesci a guidare il subconscio, attraverso il pensiero conscio, la propria vita può essere trasformata.

Il lavoro da fare è quindi creare una congruenza tra pensiero conosci e subconscio.

Cosa significa questo?

Significa che se nel subconscio è stato parcheggiato un evento negativo significativo, detto anche “trauma“. Evento che ha segnato emozionalmente l’esperienza di un individuo, il lavoro da fare non è solo a livello di pensiero. Tuttavia con il rivivere l’esperienza e trasformarla nel “qui ed ora”, significa riscrivere l’esperienza nel subconscio.

Una volta riscritto la trama dell’evento in questione, le cose cambiano e il pensiero agisce tranquillamente per dirigere le informazioni al subconscio.

Questa visione, è un alternativa stimata anche da una nuova visione considerata dalla psicologia. Quella umanistica o esistenziale, anche se in termini diversi.

Infatti le ricerche condotte in tale ambito, come la “Teoria dei bisogni” di Maslow o il nuovo concetto di felicità, ideata e sostenuta da Seligman, si allineano alla visione messa in evidenza.

Ripeto, in termini diversi, in quanto queste teorie evidenziate, affermano che l’uomo è in grado di poter costruire la propria vita in base al proprio potere decisionale e rispetto dei propri bisogni esistenziale, nel caso di Maslow.

Mentre nel caso di Seligman, viene messa in evidenza la capacità trasformativa dei pensieri, attraverso un lavoro quotidiano, fondato sul cambiamento di prospettiva del singolo individuo.

Cosa cambia se inizi a pensare diversamente da come hai fatto fino ad oggi?

Come prima cosa inizia ad accettare che ad oggi tutti i risultati negativi ottenuti, non sono a causa della fidanzata, moglie, marito, politici, banche, crisi ecc.

Resa consapevole questa verità, hai già compiuto il primo passo. Successivamente hai bisogno di lavorare per integrare conscio e subconscio. Questo attraverso un tipo di lavoro che mette a prova la propria volontà e determinazione.

Un tipo di lavoro che inizi a fare sostenuto da qualcuno che già ha compiuto il passo.

Non confondere questo tipo di lavoro con tutto il resto che ti gira attorno. Bisogna focalizzarsi, fare azione continua ogni giorno e affidarsi alla propria costanza.

Comunque io ci sto lavorando e sto preparando un programma da seguire online sul riconoscere le proprie potenzialità personali. Questo significa entrare in contatto con quella sostanza che riempie tutto l’Universo e incominciare a sperimentare quanto sia reale una cosa del genere.

Questo programma si distingue in quanto contiene una skills provata scientificamente da studiosi di psicologia. Inoltre il programma prevede il sostegno continuo, sessione di Counselling Skype e incontro dal vivo come follow up.

Iscriviti alla lista del blog compilando il form a lato e ricevi tute le informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *